Dimensione testo

Indice articoli

Dopo aver preso la fatidica decisione di goderti la pensione in un paese più ospitale dell’Italia, devi ora scegliere quale sia quello più adatto ai tuoi gusti e necessità. Vediamo insieme quali sono i criteri più importanti da valutare e come usarli.

away 1019745 400

 

Introduzione

Parafrasando un vecchio adagio, possiamo dire che nulla è più soggettivo dei criteri oggettivi. C’è chi considera la cucina fondamentale e per questo non si sposterebbe mai dalla Sardegna in Trentino e c’è chi è allergico allo smog e non potrebbe mai andare dalla campagna in città.
Non c’è alcuna soluzione che possa soddisfare tutti: ma allora, a cosa servono dei criteri “oggettivi”? Servono ad evitare che possiamo distrattamente sottovalutare un fattore che, per la gran parte delle persone, è importante. Ad essi dobbiamo poi aggiungere i fattori che impattano sulla nostra personale qualità della vita.

Nel seguito ipotizzeremo che la scelta del paese sia nell’ambito della Comunità Europea. Se così non fosse, dovremmo considerare altri fattori, come il tempo ed il costo per ottenere un visto, di breve durata o permanente, ed eventuali vincoli: ad esempio in alcuni paesi è molto più difficile, se non impossibile, acquistare casa per un cittadino straniero.
Tra i fattori che approfondiremo ce ne sono due di ordine economico, cioè la politica fiscale ed il costo della vita, e tre di tipo sociale ed ambientale, vale a dire sanità, sicurezza e clima.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Approfondisci".